Centro specializzato

Immagine01Il Centro è l'unione di Specialisti Chirurghi e Fisioterapisti uniti da passione e da competenze nella patologia della mano.

Leggi

Link Utili

LinkIn questa sezione abbiamo raccolto una serie di indirizzi web per approfondire l'argomento.

Leggi

Ambulatorio Online

Immagine01Per informazioni, chiarimenti o appuntamenti compilare il modulo collegato, risposta garantita entro 24/48 ore.

Leggi

Tumori

La mano, come tutti gli organi, può essere sede di tumori benigni (nella maggioranza dei casi) o maligni. Tutti i tessuti che la compongono (cutaneo, vascolare, nervoso, muscolare, linfatico, osseo) possono degenerare dando vita a neoformazioni che devono essere asportate ed analizzate dal punto di vista istologico.

 

Molto raramente i tumori che vengono diagnosticati alla mano o al polso sono maligni. La maggior parte di essi sono benigni e asportabili con un intervento di chirurgia della mano da un chirurgo specializzato nel campo che oltre ad asportare la parte malata si impegnerà a preservare il lato estetico della mano.

I tumori possono colpire varie zone dell’arto, come ad esempio le ossa, i tendini, i nervi, la pelle.

Il tumore più comune è quello che viene contratto dalla guaina tendinea, nella quale vengono a formarsi delle cellule giganti che, a differenza delle note cisti piene di liquido, sono fatte di tessuto solido. Essi sono tumori benigni che hanno una lenta crescita e possono formarsi anche per un trauma causata alla membrana che avvolge i tendini.

I tumori possono anche presentarsi sulla pelle sotto forma di nei o cisti epidermoide, anch’essa benigna che può essere asportata con un intervento chirurgico.

Al giorno d’oggi, grazie alle tecnologie all’avanguardia progettate in campo medico, è possibile rilevare le masse tumorali o le cellule cancerose grazie alle varie analisi prescritte accuratamente come ad esempio:

-         Fibroma, che colpisce il tessuto connettivo;

-         Lipoma, tumori grassi;

-         Neuroma, tumori nervosi;

-         Tumori Glomici, di neoformazione benigna e di lenta crescita.

I suddetti tumori sono tutti di natura benigna, mentre la forma maligna la si può trovare come cancro sulla pelle, ad esempio il melanoma.

Spesso il paziente sceglie di non intervenire con l'asportazione del tumore qualora risulti benigno e per averne la certezza, il chirurgo potrebbe optare per una biopsia incisionale, grazie alla quale potrà confermare la diagnosi e informare il paziente sulla strada medica da intraprendere. Nel caso non si agisca sulla massa, il paziente deve essere comunque tenuto sotto controllo e comprendere bene gli ipotetici rischi o complicazioni che potrebbe affrontare.

L’intervento avviene spesso sotto anestesia locale o regionale e a seconda dei casi può durare varie ore.

Insieme al chirurgo della mano si discuterà delle tecniche che si utilizzeranno durante l’operazione chirurgica e anche del post operatorio e come agire per una pronta guarigione dell’arto.

È fondamentale che il paziente si faccia seguire non solo prima e durante ma anche dopo l’intervento o la prescrizione della terapia nel caso non si agisca con la rimozione del tumore.

Questo tipo di neoformazioni vengono solitamente trattate in regime di day hospital e anestesia locale o locoregionale.

 

Letto 4043 volte